leggende

Il termine “leggenda metropolitana” è la traduzione italiana dell’espressione americana “urban legend”.

Il riferimento alla metropoli non intende escludere i piccoli centri: vuole semplicemente alludere ad un luogo in cui c’è grande circolazione di persone, di fatti, e dunque di racconti.

Il numero di individui che si trasmettono la stessa storia è un elemento di fondamentale importanza: una storia può infatti chiamarsi “leggenda metropolitana”  soltanto se a raccontarla  sono migliaia e migliaia di persone. 

Esiste oggi una megalopoli assai meno virtuale di quanto sembri: internet.

Non a caso, le leggende metropolitane hanno trovato nel web, formidabile palestra di comunicazione orizzontale, un eccellente alleato per diffondersi fin nei più sperduti angoli del mondo.

Accanto alle leggende metropolitane ce ne sono altre a diffusione più limitata (pur se comunque molto vasta) dette “leggende centimetropolitane”.

Si tratta di storie confinate in ambiti ben precisi, e destinate a viaggiare  velocemente, ma per un tempo limitato, trascorso il quale perdono la loro capacità di penetrazione: per tutte citiamo le leggende che periodicamente si diffondono su un  imminente  crollo (o rialzo) della Borsa.

 Le storie più accattivanti sono quelle che raccontano di cose extra-ordinarie accadute a gente ordinaria: cioè normale, come noi.

Fatti imprevedibili, situazioni paradossali che irrompono in vite  che di eccezionale, fino a quel momento, non avevano avuto proprio niente. Le leggende sono insomma l’irruzione dell’irrazionale, del sogno (spesso dell’incubo) in un mondo dominato da una tranquilla e un po’ alienante  routine. Sono storie che  mettono in scena –con realismo, dal momento che se ne parla come di fatti veramente accaduti – il timore (o il suo rovescio: la speranza) di vedere la propria vita rivoltata come un guanto. 

Tra le storie di questo genere il successo più grande arride a quelle che hanno a che fare con argomenti che cominciano con la lettera Esse: Segreti, Spettacolo, Salute, Sesso, Sfortuna, Scherzo, Soluzione, Sangue, Soprannaturale e Spiegazione.

Ciascun argomento possiede un proprio target specifico.  Quando una storia contiene più di una esse (ad es. uno scherzo che finisce nel sangue, o un segreto piccante, condito con un  po’ di  sesso) vede più che raddoppiato il proprio indice di gradimento. Destinato a  crescere ulteriormente se nella stessa storia ci sono ancora altre esse.

Chi sente raccontare  queste storie, le trova irresistibili. E si sente incoraggiato a raccontarle a sua volta, per suscitare lo stesso interesse. Parte così il peculiare tamtam delle leggende  metropolitane.

Le storie strane che rispondono alla regola delle “Esse” finiscono perciò per essere raccontate a più persone, e con maggior frequenza delle altre.

Un elemento che contribuisce al successo di una leggenda è l’attualità: come una battuta di spirito fatta al momento giusto, una storia che abbia qualche riferimento con un argomento in quell’istante agli onori della cronaca vede moltiplicarsi le occasioni in cui può essere raccontata, e può quindi diffondersi moltissimo.

torna alla home

sito partner www.bufale.it clicca qui